Massaggio thailandese a Milano: le considerazioni che devi fare

A Milano è possibile godere del benessere generato da questo trattamento in spa, centri benessere e centri estetici in sedute che durano mediamente un’ora.

Ma attenzione!

Noi di hobbistilombardia.it abbiamo scoperto che oltre agli indiscutibili vantaggi che ne derivano ci sono delle considerazioni che devi fare:

  • il massaggio thailandese è indicato per distendere i muscoli ed è un ottimo trattamento per il dolore muscolo-scheletrico e la mancanza di mobilità dovuti all’accorciamento dei muscoli;
  • alcune delle persone che lo hanno provato lo considerano un pò troppo energico rispetto ad altri massaggi che hanno la stessa finalità.
  • nell’immaginario dei non esperti il massaggio thailandese viene associato in modo scorretto ad una pratica sessuale.

Cosa è il massaggio thailandese?

Il massaggio thailandese è anche chiamato massaggio thai ed è denominato anche in tanti altri modi: massaggio tradizionale thailandese, massaggio classico thailandese, antico massaggio siamese, massaggio tradizionale terapeutico, massaggio medico, ecc…

E’ il risultato di due secoli di storia in cui si è sviluppato e perfezionato nel tempo, ma rimane senza dubbio una delle modalità terapeutiche più antiche al mondo. Si crede sia stato ideato dal medico indiano di Buddha Shivago Kumar Baj (fonte Wikipedia), più di 2500 anni fa in India.

Ha fatto la sua strada in Thailandia, dove le tecniche ayurvediche divennero gradualmente influenzate dalla medicina tradizionale cinese. Per secoli, il massaggio thai è stato eseguito dai monaci buddhisti come una componente della medicina Thai.

Tra i civili veniva praticato come arte di famiglia. E’ anche chiamato massaggio thai yoga, perché il massaggiatore usa le sue mani, ginocchia, gambe e piedi per fare assumere, alla persona trattata, posizioni simili a quelle dello yoga. Durante il trattamento vengono utilizzate manovre come le compressioni muscolari, le mobilizzazioni articolari, le digitopressioni in una sorta di danza sacra.

Le persone descrivono il massaggio thai sia come rilassante che come energizzante. Si fonda sul concetto che il corpo è solcato da canali, la medicina indiana ritiene che ce ne siano oltre 70.000, chiamati sen, attraversati dall’energia vitale chiamata prana. Gli effetti positivi che genera sono:

  • riduzione dello stress;
  • rilassamento;
  • miglioramento della circolazione;
  • aumento dell’energia vitale;
  • aumento della flessibilità;
  • miglioramento dei movimenti;
  • equilibrio tra mente e corpo.

Una seduta di massaggio thailandese di solito inizia con manovre delicate che aumentano gradualmente di intensità, senza mai sconfinare in un dolore eccessivo.

Nonostante una sola seduta produca effetti benefici, è bene sottoporsi al trattamento 2 volte alla settimana.

Il corpo deve appoggiare su una superficie morbida. Solitamente il paziente rimane coperto, sia per questione di tradizione che per mantenere i muscoli caldi.

Dove trovo a Milano massaggiatori qualificati?

In Thailandia il massaggio thai è considerato una branca della medicina tradizionale; è riconosciuto e regolamentato dal governo ed insegnato presso istituzioni pubbliche e private; è altresì insegnato e praticato da personale “non-medico” nei centri benessere, spa, alberghi, villaggi turistici, industria del turismo.

In Europa e negli U.S.A. un crescente numero di insegnanti e praticanti sono emersi fin dagli anni novanta. In Italia, l’interesse verso il massaggio thai è maturato ancora successivamente.

Per cercare un massaggiatore qualificato a Milano si possono seguire diverse strade. In internet è possibile individuarne attraverso centri massaggi, portali di professionisti autonomi o consultando gli elenchi ufficiali di scuole di formazione specializzate nella formazione di operatori del benessere.

Come diventare esperto in massaggio thailandese?

E’ innegabile che il modo più completo per diventare un esperto di massaggio thailandese sarebbe quello di studiare direttamente presso una delle tante scuole private di ottima qualità della Thailandia dove si possono imparare diverse e arricchite nozioni sul massaggio e i suoi svariati stili godendo della spiritualità dei luoghi nei quali questa tecnica terapeutica nasce e della quale è intrisa.

Questa professione ha oggi, a dispetto di tante altre competenze, un’ampia spendibilità e soprattutto fa riferimento ad un mercato che è quello del benessere che insieme a pochissimi altri ha un trend di crescita elevato. In sostanza trovare lavoro come massaggiatore non è complicato ma è necessaria una preparazione adeguata e molto seria.

Non andando così tanto lontano da casa nostra, in Italia è possibile seguire corsi di massaggio thailandese presso scuole professionali  (DIABASI) che forniscono tutte le abilità anche a Milano, per esercitare liberamente e con professionalità questo lavoro.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *